lunedì 24 febbraio 2014

Le Chiacchiere di Iginio Massari



Reduce dalle "fatiche" della settimana scorsa, in questi giorni ho trascorso il mio tempo in cucina dedicandolo alla preparazione di ricette semplici e veloci  - che vedrete prossimamente su questi schermi -  e al carnevale!!


Pur essendo affezionata alla ricetta delle chiacchiere che puntualmente ripeto tutti gli anni, questa volta ho voluto sperimentarne una nuova incuriosita dall'uso della farina manitoba.
Questa la spiegazione che il Maestro Massari  rivela a proposito del suo utilizzo: 
"La manitoba è una farina forte ricca di glutine che ha la capacità di stendersi sottile, sottile senza rompersi. Normalmente si utilizza nei fritti che hanno la necessità di svilupparsi senza lieviti, assorbendo pochissimo olio di frittura".

Che dire? A me l'esperimento sembra riuscitissimo!! ;-)



Chiacchiere - da "Non solo zucchero 2" di Iginio Massari
Ingredienti
500 g di farina manitoba
60 g di zucchero
60 g di burro morbido
175 g di uova
5 g di sale fino
50 g di marsala
la buccia grattugiata di un limone
i semi di un baccello di vaniglia (ho usato l'estratto)
olio di arachide per friggere q.b.
zucchero a velo per spolverare q.b.

Mettete sul piano di lavoro la farina a fontana, unite il resto degli ingredienti ed impastate fino ad ottenere un impasto omogeneo, liscio e vellutato. Lasciatelo riposare a temperatura ambiente coperto con del cellophane per circa un'ora. 
Stendete l'impasto molto sottilmente, penultima tacca della macchina per tirare la sfoglia, tagliare dei rettangoli e inciderli al centro.
Immergete poche chiacchiere alla volta in abbondante olio di arachide a 176°.
Rigiratele velocemente e lasciatele sgocciolare su carta assorbente da cucina.
Spolveratele abbondantemente con lo zucchero a velo.





33 commenti:

  1. Solo il maestro Massari poteva convincermi a provare una nuova ricetta di questo dolce che adoro ma del quale uso sempre la mia vecchia, collaudata versione...quindi grazie!

    RispondiElimina
  2. Sono spettacolari! Giuro, mai viste così gonfie! Complimenti al maestro e a te per la perfetta realizzazione!

    RispondiElimina
  3. Interessante l'uso della manitoba! grazie la segno da provare!!

    RispondiElimina
  4. bellissime, complimenti...che inizio settimana golosooooo

    RispondiElimina
  5. mamma mia quanto sono belle, hanno un aspetto delizioso!!!

    RispondiElimina
  6. Accidenti Assunta, lo puoi dire forte che l'esperimento è riuscito, guarda un pò come si sono gonfiate!! Sai che mi ero chiesta effettivamente come mai il Maestro Massari usasse la manitoba? Grazie dell'informazione, io avevo la ricetta ma non il libro per cui non me lo spiegavo, adesso è chiaro :). Un abbraccio, angela

    RispondiElimina
  7. sono bellissime, perfette, complimenti per averle riprodotte in modo super!!!

    RispondiElimina
  8. Sembrano essere riusciti veramente a meraviglia! Sembrano essere leggerissimi! Mi sa che dovrò provarli e quindi tradire la mia ricetta di famiglia!
    Ciao
    Sandra

    RispondiElimina
  9. Non ho mai visto delle chiacchiere con delle bolle belle come le tue, interessante l'uso della manitoba.
    Baci
    Enrica

    RispondiElimina
  10. ma quanto sono carine con quei palloncini...!! e poi mi fido del grande Massari, brava ..!!

    RispondiElimina
  11. esperimento riuscitissimo non avevo mai visto ricetta con la manitoba, sono belle gonfie, dipende da questo? Buona settimana

    RispondiElimina
  12. che bolle!!!!!!!!
    di solito uso sempre la stessa ricetta tramandata dalla nonna ma l'utilizzo della manitoba mi incuriosisce per cui proverò!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  13. Io divento matta solo a stendere la sfoglia! Ma queste sembrano squisite!

    RispondiElimina
  14. Mi incuriosisce questa ricetta con la farina manitoba. Da provare.

    RispondiElimina
  15. Mai visto o fatto chiacchiere così belle e così piene di bolle.
    Grazie,grazie,grazie.

    RispondiElimina
  16. Ma sai che aspettavo giusto che qualcuno la provasse questa ricetta? a vedere le foto direi che il motivo della farina forte è più che giustificato; sono friabili come quelle sottili ma fatte con farina 00?
    ciao
    Ilaria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, Ilaria, sono friabili e il giorno dopo ancora più buone!! ;-)

      Elimina
    2. Grazie, allora provo!^__^

      Elimina
  17. Mamma mia come sono belle!!! Veramente da provare....

    RispondiElimina
  18. Grazie per aver condiviso questa ricetta! Massari è una garanzia! le proverò sicuramente e ti faròsapere! un abbraccio

    RispondiElimina
  19. sono davvero golose! non è carnevale senza le chicchiere!!! il problema è fermarsi quando si inizia a mangiarle!! ahah ;)

    RispondiElimina
  20. Splendide! Come ti dicevo ieri l'uso della manitoba in questa ricetta mi incuriosisce molto per cui appena posso le farò! Un bacione

    RispondiElimina
  21. come possiamo non provarle anche noi, ora????? abbandonerò la ricetta della nonna????

    RispondiElimina
  22. Mi stavo giusto chiedendo quando avrei iniziato a preparare qualche dolce di Carnevale ed ecco la tua ricetta che cade proprio a fagiolo. Domani friggo!
    Grazie mille

    RispondiElimina
  23. Wow! Ecco un' ottima ricetta dalla quale partire nel fare le chiacchere e nel scoprire questo blog per me appena conosciuto! Una domandina, come conservate le chiacchere? Grazie mille! Guenda

    RispondiElimina
  24. che dirti Assuntina!? Anche delle semplicissime chiacchere, come tu dici, si trasformano in capolavori se passano sotto le tue manine d'oro. Sai che la ricetta è molto simile a quella che fa la mamma di una mia amica pugliese?
    Ti mando un bacio!

    RispondiElimina
  25. Direi che è riuscitissimo, l'esperimento! Bellissime, brava

    RispondiElimina
  26. fritte stanotte :) buonissime e bellissime... grazie!!

    RispondiElimina
  27. Fatte ieri sera. Dose industriale ma nonostante questo stasera saranno finite. Dire ottime è dire poco.
    Grazie!

    RispondiElimina
  28. Ciao Assunta!

    Il risultato del tuo impasto con manitoba è qui. Spero ti piaccia :)

    Alla prossima!

    RispondiElimina